Sito per neoutenti GNU/Linux
Avviso per una corretta visualizzazione del sito
scritta new animata
Last updated: June 02 2015 10:39:07.
Esegui il Login, oppure Registrati,Hai dimenticato la password?
My GPG Public Key logo GnuPG
Scarica direttamente la mia chiave pubblica GPG
Gli utenti online sono ora: 1

Mon, 24 Jul 2017 00:32:47

gif
Questo sito ha avuto 9670 visite!
Il tuo indrizzo IP è 172.68.65.88.
Il tuo browser è unrecognized in esecuzione su unrecognized

foto in spiaggia del sottoscritto e chicchetta

lola e minnie abbracciate
cartello Access Denied
Permessi e proprietari


Qui vorrei trattare un argomento davvero basilare per tutti gli utenti GNU/Linux in genere: ovvero cosa sono i permessi sui file e cartelle e come cambiarne i proprietari, argomento sicuramente trito e ritrito, ma che qui cercherò di spiegare in termini davvero "terra terra" per far sì, che anche un utente COMPLETAMENTE a digiuno di informatica, possa comprenderlo!. Innanzitutto da questa snapshot del mio terminale potete vedere dei file e directory contenuti in Musica:

snapshot mia cartella Musica

Qui vedete il primo file cioè:

-rw-r--r-- 1 matthew matthew 134821 2011-10-17 20:55 07F23d01

Andando con ordine da destra verso sinistra il primo elemento che incontriamo, il più semplice da decifrare, è il nome del file:

07F23d01

poi incontriamo una data (anno-mese-giorno) e un'ora (in formato militare 24h) che rappresentano il momento in cui il file è stato modificato per l'ultima volta.

Più a sinistra il numero indica la grandezza del file espressa in byte, mentre più a sinistra ancora troviamo rispettivamente il gruppo a cui appartiene il proprietrario, e il proprietario del file medesimo.

Infatti in TUTTI i SISTEMI UNIX-LIKE e perciò anche su Ubuntu ad ogni file/cartella al momento della sua creazione viene assegnato un proprietario, che a sua volta appartiene ad un gruppo di utenti presenti sul pc. Qui notate come tutti i file appartengano all'utente matthew che fa parte del gruppo omonimo matthew. Tra poco cambieremo questa situazione, ma prima finiamo l'analisi degli altri elementi: ancora a sinistra troviamo un numero che indica quanti puntatori esistono per il file in oggetto, se abbiamo come qui appunto un semplice file, mentre nel caso di una directory, indica quanti file questa contiene.

Infine arriviamo agli elementi più importanti, vale a dire una serie di r, w, ed x a prima vista incomprensibili: innanzitutto bisogna conoscere cosa significano questi simboli:

1) la r sta per READ ovvero permesso di LETTURA
2) la w sta per WRITE ovvero permesso di SCRITTURA
3) la x sta per EXECUTE ovvero permesso di ESECUZIONE
4) il carattere - sta per MINUS ovvero implica la NEGAZIONE DEL PERMESSO

Ora dovete sapere che nei sistemi Unix-like esistono, come accennato qui sopra, TRE utenti distinti per ogni file presente nel computer:

1) il PROPRIETARIO del file, cioè USER
2) il GRUPPO al quale appartiene il PROPRIETARIO del file, cioè GROUP
3) infine TUTTI GLI ALTRI UTENTI DEL SISTEMA, cioè OTHERS

Tenete ben presente tutto questo ed ora dovete sapere che ognuno dei tre utenti, cui qui sopra, può disporre di permessi diversi sullo stesso file.
Per chiarire il tutto, riguardate il primo file della schermata:

-rw-r--r-- 1 matthew matthew 134821 2011-10-17 20:55 07F23d01

Qui dovete osservare la stringa:

-rw-r--r--

come se fosse scritta in questo modo:

- | rw- | r-- | r--

il che significa che:

1) lo USER qui matthew possiede i permessi di rw- ovvero READ e WRITE sul file in oggetto e gli manca quello di EXECUTE

2) il GROUP cui matthew appartiene ha invece solo i permessi di r-- ovvero READ, gli mancano quello di WRITE e quello di EXECUTE.

3) ed OTHERS hanno anch'essi solo i permessi di r-- ovvero READ, gli mancano analogamente quello di WRITE e quello di EXECUTE.

Da notare inoltre che in questo caso il primo elemento in assoluto è un - cioè un trattino, poichè il file di cui si parla, è appunto un file. In caso di directory, avremo avuto una d come in effetti vedete nella cartella detta "router Michelangelo Wave".

Ora nel nostro esempio questo vuol dire che l'utente matthew può leggere e scrivere, ovvero modificare il file indicato, mentre gli membri del suo medesimo gruppo possono SOLO leggere il file, ma non modificarlo od eseguirlo e lo stesso dicasi per tutti gli altri utenti.

Ora è molto comune la situazione qui indicata per molti file, come è comune trovare per i programmi la seguente configurazione di permessi: rwxr-xr-x

che noi dobbiamo leggere come segue:

1) lo USER ha TUTTI i permessi ovvero rwx

2) il GROUP ha invece r-x

3) OTHERS hanno anch'essi r-x

il che tradotto:

Lo USER può fare tutto con il file, anche modificarlo, mentre il GROUP ed OTHERS possono SOLO leggere ed eseguire il programma, ma NON modificarlo. Ora i permessi per i files sono chiari, mentre per una directory ci si potrebbe chiedere come si fa ad eseguire una cartella, ovvero cosa significa il simbolo X ovvero EXECUTE?

Per una cartella il permesso R è il più semplice: vuol dire che l'utente può visualizzarne il contenuto, mentre la W indica che l'utente può aggiungere, rinominare, cancellare file al suo interno. La X corrisponde invece alla possibità di accedere a quella cartella, con lo scopo di eseguire comandi che hanno effetto sui files contenuti, oppure di accedere alle eventuali sottocartelle presenti al suo interno.

Ora mi fermo qua, nella speranza di essere stato abbastanza chiaro, eventualmente rileggete il tutto e cercate di fissarlo bene, poichè comprendere bene come funziona il sistema dei permessi e proprietari su GNU/Linux è basilare per qualsiasi utente, e può farvi risparmiare parecchi problemi ed ovviamente farvi comprendere anche in questo settore, l'enorme differenza di un sistema operativo nettamente più sicuro di un OS (leggi mamma Windows) che di sicuro già di suo ha poco o nulla! Tanto per citare un noto programmatore GNU/Linux, Guido Iodice: "Windows, yuor insecurity our passion!".

In seguito vedremo come cambiare i proprietari dei file, nonchè i permessi su quest'ultimi, vale a dire i comandi chown e chmod.

Potete anche, se volete,

icona standard per feed rss



Questo sito è prodotto da Jam1, autore e curatore di testi e immagini. Questo sito fa uso dei CSS ed è conforme alla specifica XHTML 1.0, secondo le direttive del W3C.